Get Adobe Flash player
apina left

PERCHE’ ABBIAMO SCELTO LA STRADA DELL’APICOLTURA BIOLOGICA?

La nostra conduzione degli apiari è sempre stata nel rispetto dell’ambiente, dell’ape e del prodotto finale “il miele”, fin dal lontano 1978, anno in cui si è iniziata una attività di tipo produttiva. Tuttavia, per garantire un prodotto migliore e qualificato, abbiamo intrapreso la strada dell’apicoltura biologica anche per distinguersi dagli apicoltori che ricorrono a prodotti chimici in modo scorretto ed in alcuni casi non autorizzati per l’uso negli alveari.

apina left

QUALE E’ LA DIFFERENZA FRA L’APICOLTURA BIOLOGICA E L’APICOLTURA TRADIZIONALE?

- L’ubicazione degli alveari a conduzione bio deve garantire fonti naturali di nettare, di melata, di polline sufficienti e di acqua alle api e tali che vi sia una distanza adeguata (in alcuni casi almeno 3 Km) ad evitate fonti di inquinamento, quali centri urbani, autostrade, aree industriali, discariche, inceneritori di rifiuti e culture intensive non biologiche che possono essere frequentate dalle api (es. frutteti).
- La nutrizione delle famiglie di api in primavera deve essere fatta con miele proveniente da apicoltura bio e solo durante il periodo invernale può essere somministrato alimento quale sciroppo o melassa di zucchero proveniente da coltivazione biologica.
- L’ uso dei medicinali veterinari non possono essere usati, ma solo prodotti fitoterapici, omeopatici. Mentre per combattere la Varroa, un acaro che si nutre dell’emolinfa dell’ape e si riproduce a spese della covata, è ammesso l’uso solo di sostanze naturali quali l’acido ossalico (è presente negli ortaggi e anche nel miele), l’acido formico, l’acido lattico, nonché il mentolo, l’eucaliptolo ed il timolo.
L’apicoltura tradizionale a tutto questo e ad altri punti riguardanti particolari tecniche di conduzione non è tenuta a sottostare. Per cui può ubicare gli apiari dove desidera, utilizzare sostanze zuccherine quando e come vuole e somministrare qualsiasi principio chimico, purchè sia autorizzato per la difesa delle api.

apina left

COSA DEVE FARE L’AZIENDA PER ESSERE CERTIFICATA COME “BIO”

Almeno 2 o 3 anni di conversione: cioè sottostare a diverse ispezioni del tecnico inviato dall’ente certificatore, sull’ubicazione degli apiari, sulla avvenuta sostituzione delle arnie che presentano rischi di contaminazione per i prodotti del’apicoltura (es. arnie trattate con vernici o smalti sintetici ecc.) e prelievo di campioni di favo da nido e da melario e di diversi tipi di miele prodotti, per essere sottoposti alle analisi chimiche. Inoltre avere un laboratorio autorizzato per la lavorazione del miele e di perseguire una attenta HCCP.
A questo punto dai risultati delle analisi e dalle ispezioni, l’Azienda se ha ben operato può essere certificata come :
“AGRICOLTURA BIOLOGICA”, nel campo dell'apicoltura. Ovviamente questi accertamenti continuano anche dopo aver ottenuto la certificazione.

apina left

COME CONTROLLARE SE UN PRODOTTO E' BIOLOGICO

Sull'etichetta di ogni prodotto deve essere indicato il codice di autorizzazione e l'ente di cetificazione:

 Ente certificante: Bioagricert S.r.l.

Codici di certificazione:

IT BIO 007 F49V

etichetta
  La BIOAGRICERT SRL da la possibilità al consumatore di verificare il codice di autorizzazione utilizando l'apposito modulo che e' presente a questo indirizzo: www.trasparente-check.com

Copyright © 2015

Apicoltura Biologica Perona Marco

P.IVA 02242000020

All Rights Reserved.